Un film che vi consigliamo di vedere su Netflix: Tutto può cambiare

Tutto può cambiare di John Carney, 2013, commedia, 104’, T, Netflix

Gretta (Keira Knightley), una cantautrice inglese approdata a New York per seguire il fidanzato (Adam Levine), costretta da un amico di vecchia data, si esibisce in un locale dell’East Village e viene notata da Dan (Mark Ruffalo), produttore musicale in piena crisi sentimentale e professionale. Dan si innamora della personalità di Gretta e della sua musica non convenzionale e, con un rinnovato entusiasmo nei confronti del futuro, decide di produrre un album con la ragazza in modo del tutto inusuale: a causa della mancanza di risorse economiche, le strade della città diventano uno studio di registrazione e la band viene costituita con una serie di musicisti anch’essi frustrati dalle opportunità che finora la metropoli ha riservato loro.
Questa commedia delicata, ma mai sdolcinata, ci mostra come due personaggi delusi dalla propria esistenza possono rinascere quando una passione coinvolgente come la musica dà vita a un progetto unico e irripetibile. La complicità che si instaura tra Gretta e Dan fa collezionare una serie di dialoghi e istanti che Dan stesso definisce delle “perle”. E sappiamo bene come l’affinità con un altro essere umano possa essere rara, soprattutto in un contesto urbano come New York. La città in questo caso assume il ruolo di personaggio e la storia stessa non avrebbe sicuramente avuto lo stesso impatto se le scene notturne e il girovagare dei protagonisti non fossero state filmate con tanta sensibilità e trasporto.
Gretta è un’idealista, non vede la musica come un lavoro o un modo per guadagnarsi da vivere, piuttosto come un mezzo per esprimersi e comunicare con il prossimo. Si è messa in secondo piano per far decollare la carriera del fidanzato, seppur sembri essere lei quella con maggior talento. L’amore per il compagno le ha fatto perdere di vista il suo amore per la musica, quello che però resterà per sempre il suo punto di riferimento. A questo proposito infatti, Tutto può cambiare (come spesso succede, il titolo italiano snatura quello originale, ovvero Begin Again) ci ricorda come l’affermazione di sé sia imprescindibile per condurre una vita il più possibile soddisfacente, tanto da permettere poi di vivere i rapporti interpersonali in modo più completo e maturo: non si può pretendere che qualcuno ci ami, se non siamo noi ad amarci per primi. Sostenuta dalla tenera fiducia di Dan, Gretta compie un percorso di autoaffermazione per ricominciare da capo qualcosa che si era interrotto bruscamente. Parallelamente succede lo stesso a Dan, che grazie all’incontro con la cantautrice si riappropria di ciò che lo aveva reso un uomo di successo.
Tutti gli attori del cast risultano convincenti. Mark Ruffalo appare intenso, ma mia sopra le righe: le scene che lo vedono confrontarsi con la figlia adolescente appaiono tenere, ma mai convenzionali. Gli stereotipi di ogni genere sono banditi in questo film. La stessa Keira Knightley, che non ci aspetteremo di vedere impegnata in ruolo così diverso dal suo precedente repertorio, canta e suona di persona i brani del film ed appare a suo agio, donando spessore al suo personaggio man mano che la storia procede. Fragilità e determinazione convivono senza schizofrenia nel carattere di Gretta: sia il suo sorriso che le sue lacrime sono contagiosi. Il film può contare sulla presenza, direi un po’ acerba, di Adam Levine, cantautore e frontman del gruppo Maroon 5, nelle vesti del fidanzato di Gretta. I brani eseguiti dalla Knightley sono tutti originali e firmati da Gregg Alexander, tra cui segnaliamo quelli più significativi: Lost Stars (cantata sia nella versione acustica della Knightley che in quella elettronica di Adam Levine) e Like a Fool, vero gioiellino (soprattutto per il testo). Il film non è particolarmente recente, ma vi consigliamo di recuperarlo perché non si tratta di una commediola sterile e banale, bensì di un film più profondo di quanto ci si aspetti, che tratta argomenti universali, scacciando retorica e mediocrità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.